giovedì 23 dicembre 2010

Top Ten Albums of 2010


1. Beach House - Teen Dreams
2. The National - High Violet
3. Arcade Fire - The Suburbs
4. The Radio Dept - Clinging to a Scheme

5. Broken Social Scene - Forgiveness Rock Record
6. Bryan Ferry - Olympia
7. Twin Shadow - Forget
8. Belle and Sebastian - Write about Love
9. LCD Soundsystem - This is Happening
10. Le Luci della Centrale Elettrica - Per Ora Noi La Chiameremo Felicità

Dicembre, tempo di classifiche.
Anche quest'anno la scelta non è stata affatto semplice e sono diversi gli album validi rimasti fuori (Caribou, The Walkmen, Four Tet, Jonsi ...).

Nessun dubbio sulla prima posizione: pronti via e già a gennaio innauguriamo il nuovo anno con un album capolavoro come Teen Dreams dei Beach House. Sono passati 12 mesi e l'album suona ancora come in quel giorno di gennaio, riuscendo a farci sognare come forse non riusciavamo a farlo dai tempi di Agaetis Byrjun.   

In decima e "ultima"  posizione troviamo invece Vasco Brondi con le sue Luci della Centrale Elettrica. Vasco è il classico "o lo ami o lo odi" e con questo secondo album probabilmente sono aumentati i secondi.. Forse alcuni si aspettavano un album diverso dal precedente (quasicapolavoro) ma la realtà è che Brondi rappresenta una generazione così come la rappresentava Giovanni Lindo Ferretti 20 anni fa e un cambiamento di rotta nonchè di stile sarebbe risultato alquanto prematuro dopo appena un album all'attivo. Diamo tempo al tempo.

Tra i Beach House e Le Luci della Centrale Elettrica altri 8 album che se non avete avuto modo di ascoltare, beh forse allora siete rimasti troppo tempo sintonizzati su Radio Deejay.

giovedì 18 novembre 2010

Twin Shadow


Forget è il primo e nuovo album di George Lewis Jr. aka Twin Shadow, ragazzo Domenicano trapiantato a Brooklyn. L'album, che risente molto delle sonorità new wave 80, è stato prodotto (mettendoci molto del suo) da Chris Taylor dei Grezzly Bear e questa traccia , Slow, ne riassume la bellezza.

domenica 24 ottobre 2010

Diamo i numeri

Un po di numeri sulle ultime uscite di questi mesi (alcune non proprio recentissime, scusate il ritardo). Su tutte The Suburbs degli Arcade Fire che conferma la band canadese ad altissimi livelli (leggermente al di sotto di Funeral) e Clinging to a Scheme dei The Radio Dept. con il loro dream pop shoegaze.
I Blonde Redhead invece necessitano di un approfondimento: Penny Sparkle è un album diverso che esula dagli sonorità tipiche della band italo-giapponese. I fratelli Pace decidono di mettere da parte chitarra e batteria per impugnare synth e controller. Il risultato è un album orecchiabile, direi molto pop, sicuramente non rock e poco originale (peccato).
Per quanto riguarda i live, i Broken Social Scene, con il loro ottimo Forgiveness Rock Record, saranno a Milano il prossimo 11 novembre.


Blonde Redhead - Penny Sparkle
voto 6

Belle & Sebastian - Write About Love
voto 7

Arcade Fire - The Suburbs
 voto 8

The Radio Dept. - Clinging To A Scheme
voto: 7,5

Caribou - Swim
voto: 7

Broken Social Scene - Forgiveness Rock Record 
voto 7

venerdì 8 ottobre 2010

martedì 31 agosto 2010

Arcade Fire: il futuro dei video musicali


Gli Arcade Fire per il lancio di We Used To Wait, nuovo singolo estratto da The Suburbs (3° LP della band canadese, probabilmente la migliore nata negli ultimi 10 anni nel panorama musicale internazionale) ha realizzato in collaborazione con Google e sotto la direzione di Chris Milk un video musicale unico nel suo genere.

Il video interattivo realizzato in HTML5 (codice che probabilmente sarà il futuro delle piattaforme web) e visible in ottima qualità esclusivamente tramite Google Chrome permette grazie all'integrazione con Google Maps di ambientare le scene e l'animazione in qualsiasi zona mappata da Google. L'operazione mostra alla perfezione quelle che sono le potenzialità del web con il nuovo codice e ancora una volta conferma come sempre più spesso è proprio quello musicale il settore che realizza i progetti di marketing/promozionali più interessanti e innovati web based.
Il video inoltre è solo uno dei  progetti della band canadese che solo pochi mesi fa aveva trasmesso live in steaming su Youtube un suo concerto, visto da più di 3,5 milioni di utenti! L'operazione è sicuramente tra le più interessanti insieme a quelle realizzate dai Radiohead durante il discusso lancio di In Rainbows.

UPDATE:
Rilasciato sul canale VEVO degli Arcade Fire un'intero concerto di poche settimane fa della band al Madison Square Garden. Il concerto, della durata di 1 h e 34 minuti sarà visiile su Youtube per un tempo limitato.


lunedì 26 luglio 2010

Mobile site per Europ Assistance


E' online il sito mobile di Europ Assistance Italia.

Il sito, realizzato in collaborazione con l'agenzia Neos , permette agli utenti, clienti e non, di richiedere un'assistenza in tutto il mondo con pochi semplici passaggi. Il servizio, accessibile da cellulare tramite la url m.europassistance.it, verrà declinato e rilasciato su App Store anche in versione applicazione, fruibile quindi da iPhone e iPod Touch.

Sono presenti inoltre anche un'area "ricerca punti vendita" (che utilizza Google Maps) e un'area prodotti con la descrizione dettagliata degli stessi e la possibilità di contattare il Servizio Clienti.

lunedì 19 luglio 2010

Meet Me In The Basement

Semplicemente uno dei video più belli che ho avuto modo di vedere negli ultimi mesi.

mercoledì 2 giugno 2010

Arcade Fire - The Suburbs


In attesa del terzo album in uscita il 2 agosto su etichetta Merge e intitolato The Suburbs, gli Arcade Fire rilasciano un 12" con due nuove tracce: The Suburbs e Month of May.

Qui lo streaming dei due brani. (clicca sull'immagine)

domenica 2 maggio 2010

Diamo i numeri (e che numeri)

Sarà per la primavera, sarà per il rigido inverno appena trascorso, non lo so, ma le ultime (attese) uscite hanno ripagato appieno le grandi aspettative. The National, Goldfrapp, Jònsi, LCD Soundsystem, Pantha du Prince hanno rilasciato dei lavori eccellenti, tutti meritevoli di voti alti e di tanti tanti ascolti.

Jònsi - Go
voto: 7

The National - High Violet
Voto: 7,8

LCD Soundsystem - This is Happening
Voto: 7

Goldfrapp - Head First
Voto: 6,8

Pantha du Prince - Black Noise
voto: 6,8

mercoledì 7 aprile 2010

Atoms For Peace


Atoms For Peace, questo il nome della nuova band di Thom Yorke (Radiohead) che lo stesso artista ha annunciato via Twitter qualche settimana fa. La band è una vera e propria all star band formata da Flea dei Red Hot Chili Peppers (basso), Nigel Godrich (produttore dei Radiohead), Mauro Refosco (Forro in the Dark) e da Joey Waronker (batterista) già con REM, Beck e Smashing Pumpkins.

Naturalmente questo non vuol dire che i Radiohead si sono sciolti o cose simili (solo un paio di mesi fa si è parlato infatti di un loro ritorno in studio per il seguito di In Rainbows) ma semplicemente che Thom vuole comunque portare avanti, in parallelo, quel progetto nato nel 2006 con The Eraser, il suo (bellissimo) album solista.

Gli Atoms For Peace hanno appena iniziato un mini tour negli USA che li vedrà impegnati nel mese di aprile (New York,  Chicago, Boston, Santa Barbara le tappe) fino ad arrivare al Coachella Festival dove si esibiranno il 18 dello stesso mese. I pezzi suonati sono gli stessi presenti in The Eraser con l'aggiunta di alcuni inediti scritti in questi anni da Thom Yorke e mai pubblicati.

Di seguito un video del loro debutto (5 aprile 2010) a New York.

mercoledì 10 marzo 2010

domenica 7 marzo 2010

Secondo concorso per NetGlobers.it


NetGlobers, il social network sulla salute e la sicurezza in viaggio promosso da Europ Assistance, lancia un secondo concorso. Dopo il successo di 2ndChance, concorso che ha regalato il giro del mondo a Ellen Halfwerk, ora è la volta di "Viaggia come sei", competizione che premia il migliore travel report realizzato entro il 31 marzo 2010.
I 10 report più votati dalla community di NetGlobers.it verranno valutati da una giuria di esperti che deciderà il vincitore del viaggio del valore di 4.000 euro.
Ecco alcuni consigli per scrivere un buon report di viaggio:

a) Cerca di essere sintetico.
b) Inserisci consigli utili e pratici per chi viaggerà dopo di te negli stessi luoghi.
c) Cura gli aspetti legati alla sicurezza e alla salute relativi alla destinazione.
e) Scrivi più di un report per aumentare le tue possibilità di vincita.

Per maggiori info qui trovate il regolamento del concorso.
In palio, inoltre, ci sono 10 weekend per due persone che verranno estratti tra tutti i votanti.

martedì 9 febbraio 2010

Google Buzz

Ci mancava Buzz
Google trasforma la sua piattaforma Gmail in una sorta di social network, che in realtà social network non è.
La scelta fatta dall'azienda sembra essere una via di mezzo tra la vecchia piattaforma di email (Gmail) e il forse troppo complesso (e poco social) Wave, rilasciato in versione beta appena due mesi fa.

Con Buzz Gmail diventa così social network, microblogging, geolocalizzatore, ma anche aggregatore, applicazione mobile, chat.
I confini tra le conversazioni e tra le stesse piattaforme si assottigliano sempre più e le reti continuano a cambiare e ad evolversi velocemente. Ma in questo enorme caos, se ci allontianiamo un attimo, sembra comparire un disegno comune che definirei social and real time web.

Il video ufficiale di Google Buzz.

domenica 7 febbraio 2010

Heligoland, una terra conosciuta



Quando l'aspettativa è alta e l'attesa molto lunga, si rischia spesso di rimanere delusi.

Heligoland, che segna il ritorno dei Massive Attack dopo circa 7 anni dal precedente lavoro 100th Window (realizzato tra le altre cose dal solo Robert Del Naja), è un album che si lascia ascoltare, dove ritroviamo sonorità a noi familiari, ma che in definitiva non ci arrichisce.

Heligoland sembra riprendere il percorso iniziato con Mezzanine ed interrotto con l'elettronico e sofisticato 100th Window, mescolando sonorità acustiche a synth, chitarre a batterie e bassi elettronici, il tutto però in una chiave decisamente meno dark.
Delle diverse collaborazioni presenti nell'album poche lasciano veramente il segno. Damon Albarn, voce in Saturday Come Slow, svolge egregiamente il compito assegnatogli, ma la verità è che questo si rivela fin troppo semplice.
Decisamente più interessante la prima traccia dell'album Pray for Rain dove Tunde Adebimpe partecipa non solo vocalmente al brano ma ne influenza la forma e la sostanza con i suoi Tv On the Radio.
Nulla da ridire sulle tracce cantate da Martina Topley (ex musa di Tricky) e dall'immortale Horace Andy: le loro voci (in Babel e Girl I love you) sono tra le cose migliori dell'album e si amalgamano alla perfezione con i suoi di Del Naja e Daddy G.
Le altre tracce, in primis Atlas Air e Splitting the Atom, deludono, così come la collaborazione con Guy Garvey degli Elbow (Flat of the Blade).


Nel 2003, con 100th Window, Del Naja era riuscito ad aprire nuovi scenari in quei di Bristol (così come hanno fatto magnificamente i Portishead nel 2008 con Third), ma nel caso di Heligoland il duo non sembra neppure provarci, preferendo una strada ben nota e già tracciata diversi anni fa (e quindi anche già sentita) e dando di consequenza poco spazio alla sperimentazione. E si sa, il ripetersi ad alti(ssimi) livelli, è cosa difficile e la linfa creativa spesso viene a mancare.

Heligoland è semplicemente un buon album (come ce ne sono molti fortunatamente) ma siamo ben lontani dalla bellezza, genialità, purezza e soprattutto dall'originalità di Blue Lines e Mezzanine, i due capolavori che avevano reso i Massive Attack una delle band più innovative della scena musicale degli anni 90.

voto: 6,5

mercoledì 27 gennaio 2010

Anteprima: il nuovo tablet di Apple

Prime foto (reali?) del nuovo tablet di Apple che, come afferma lo stesso Steve Jobs, sarà il prodotto più rivoluzionario e importante mai creato da Apple. Il tablet si chiamerà iSlate o iPad e verrà presentato ufficilamente oggi.






Di seguito una foto del tablet pubblicate da Engadget a poche ore dalla presentazione.



domenica 10 gennaio 2010

Massive Attack - Saturday Comes Slow feat. Damon Albarn

Nuova traccia dei Massive Attack presente nel nuovo album Heligoland in uscita a febbraio 2010. La voce è quella di Damon Albarn (Blur, Gorillaz9 una delle tante collaborazioni presenti nel nuovo lavoro della band di Bristol.

mercoledì 6 gennaio 2010

Nexus One, il primo smartphone by Google




Presentato in USA Nexus One, il primo smartphone by Google.
Nexus One è stato sviluppato in collaborazione con HTC e supporta naturalmente Android, il sistema operativo di Google già presente (ma con versioni precedenti) su smartphone della stessa HTC e sul Motorola Milestone.
Nella seguente tabella rilasciata da Mashable vengono messi a confronto le principali caratteristiche e funzionalità tra Nexus One, iPhone, Motorola Milestone e Palm Pre.



Inoltre sono presenti in rete diversi video dimostrativi che mettono a confronto la velocità del browser di Nexus One che, come potete vedere, sembrerebbe non essere così performante.




In definitiva i punti di forza del googlefonino rispetto al primo competitor (iPhone) sembrerebbero essere:
- fotocamera superiore da 5MP (contro i 3 MP del 3GS)
- batteria con durata superiore
- multitasking (possibilità di aprire più applicazioni contemporanemente)
- scrittura vocale degli SMS

Al contrario i punti deboli sembrerebbero:
- capacità dati limitata (solo 4 Gb)
- schermo non multi-touch (non è possibile fare zoom in/out con il secondo dito, caratteristica importante dell'iPhone)
- lentezza del browser
- numero inferiore di applicazioni (almeno per il momento, ma difficilmente Google riuscirà a raggiungere i volumi di App sviluppate per Apple)

Dopo il rilascio di Chrome (OS e browser) continua quindi la guerra a tutto campo tra Google e Apple.